Gentilissimi tutti,
ogni cittadino è alla base dell’idea stessa di Protezione Civile. Il suo buon comportamento è il primo passo nell’attività di prevenzione, di primo soccorso e di informazione nell’ambito delle emergenze di vario tipo.
La costruzione di un sistema organizzato che preesista all’evento emergenziale è l’essenza stessa del piano, il cui scopo è quello di programmare i sistemi per difendere l’incolumità delle persone, dei beni e dell’ambiente.


Allo scopo di arricchire la conoscenza di ogni cittadino presentiamo questo libretto, di facile lettura, che auspichiamo possa essere un valido aiuto per affrontare con maggiore consapevolezza le situazioni di emergenza.
Dalla posizione di vertice che la legge riserva alla responsabilità diretta del Sindaco non è facile garantire la coesistenza della molteplicità di riferimenti tecnici e organizzativi, operativi e gestionali, nelle diverse componenti e il coordinamento fra di loro, secondo strategie scientifiche, allo scopo di fronteggiare al meglio gli eventi: per farlo non si può prescindere dall’informazione, elemento essenziale della prevenzione, che non può restare riservato agli operatori pubblici ma deve
rivolgersi a tutti i cittadini.
Attraverso questo opuscolo ci proponiamo, appunto, di innalzare il livello di conoscenza, dare concretezza alla citata regola della “prevenzione” per definire un più ampio processo che si sviluppa in tre momenti fondamentali: la valutazione dei rischi, l’individuazione dei sistemi di sicurezza e, primo fra tutti, appunto, l’informazione.
Tutti sappiano, dunque, cosa fare in caso di evento.
In questo lavoro è stato fondamentale il ruolo del nostro gioiello più prezioso, il Nucleo Comunale di Protezione civile, che abbiamo completamente rinnovato, formato e motivato.
Abbiamo istituito inoltre il Comitato Comunale di Protezione civile composto da professionisti locali perché possa essere più forte l’azione di prevenzione e sia costantemente aperta al contributo di conoscenze specifiche e di esperienze operative maturate nel tempo.
Allo stesso tempo gli operatori potranno avere a disposizione un documento “ufficiale” che sia da guida nelle difficili attività di soccorso e di aiuto alla popolazione.
L’esperienza di P.C. ha suggerito di integrare quanto previsto dalla normativa per riempire alcuni vuoti di operatività e per dare aderenza alle diverse realtà locali e specifiche, con lo scopo di non limitare la funzione di questo lavoro alla sola gestione dell’emergenza, ma per affiancare ad essa un’azione di sensibilizzazione per formare una nuova cultura di protezione civile.
Si tratta di un lavoro complesso che vuole diventare anche un fattore di crescita della Comunità, che richiede, inevitabilmente, il coinvolgimento diretto della popolazione, delle scuole e degli operatori.

IL SINDACO

Avv. Pasquale Di Fruscio

OPUSCOLO INFORMATIVO